Seleziona una pagina

Soltanto nell’architrave del nuraghe Aidu Entos la Sardegna comincia ad avere il primo documento romanizzante. Prima dei Romani i documenti risultano scritti primamente in fenicio e poi in punico. Col che dobbiamo ammettere che i Sardi cominciarono a scrivere la propria lingua con la grafia alfabetica (e la lingua) imperante nel I millennio a.e.v. nel bacino centro-occidentale del Mediterraneo, quella cosiddetta “fenicia”. La memoria linguistica più alta e importante dell’antichità fenicia in Sardegna è la celebre Stele di Nora, il documento scritto più antico dell’Occidente. Sin dall’Ottocento, non c’è stato studioso di razza che non abbia tentato di misurarsi con la sua traduzione. Ed ogni tentativo ha lasciato una versione radicalmente diversa dalla precedente e da tutte le altre. Non è che la pluralità delle versioni non abbia qualche aspetto da addurre a propria scusa, a causa della condizione alquanto precaria della stele, la cui vetustà (3000 anni) è rimarcata dalla sua composizione arenacea. Infatti attualmente soltanto metà delle lettere lascia intendere a primo acchitto e nettamente il solco tracciato dal lapicida, mentre le altre possono essere percepite solo dopo un’attenta osservazione delle slabbrature e degli sfarinamenti prodottisi nel lungo lasso temporale. Trovata nel tophet, la stele fu prontamente utilizzata per l’erezione della casa del guardiano. Oggidì il testo è leggibile più che altro per la vernice che rimarca ogni lettera, cui occorre attenersi fedelmente, non foss’altro che per uniformare la base di partenza della traduzione. E tuttavia il team di studiosi che ha coraggiosamente deciso di marcare ed evidenziare le lettere con la vernice rossa e violetta deve avere avuto qualche problema, ed ha persino preso qualche cantonata. Ad esempio, la prima lettera della seconda riga è stata rimarcata come che fosse una W (da pronunciare u) mentre, a volerla osservare meglio, la traccia fenicia indica una N [qui e in seguito mi esprimo con l’alfabeto latino, e ricordo che l’elenco dei grafemi è indicato secondo il sistema fenicio, da destra a sinistra]. A complicare i fatti si sono messi anche i “fedeli” traspositori dei grafemi fenici: questi in certi libri sono chiaramente alterati rispetto a quelli lapidei. Ad esempio, l’osservazione diretta della riga sesta della lapide fa capire, con sicurezza, che ci sono 6 lettere e non 7. Quindi la settima lettera, inserita in GES 614, è da espungere perché nella lapide non è riportata. Quanto ai traslatori delle singole lettere dal fenicio al latino, essi hanno avuto forse una moderata difficoltà dal fatto che alcune lettere fenicie cambiano significato secondo l’inclinazione. E quindi non gli faccio colpa per aver proposto come D una R (riga sette, lettera 6). Certamente l’inclinazione della lettera faceva il loro gioco, ma ritengo che non dovevano procedere meccanicamente e alla cieca sibbene dovevano, con un pizzico di senso comune, notare anzitutto le incertezze del lapicida, che nell’intera stele esistono, e dovevano poi aiutarsi eventualmente col dizionario fenicio per capire a fondo le intenzioni del lapicida medesimo e la correttezza lessicale delle parole. Singolare poi è la lezione che si trae dalla lettera M scritta a riga 4 ed a riga 8. A riga 4 il lapicida aveva inizialmente scritto una N che poi, notato l’errore in corso d’opera, fu corretta (o fatta correggere) in M, vista la possibilità d’emendarla con poco danno. A riga 8 il lapicida, credendo d’operare secondo le intenzioni del committente (forse assente al momento), scrisse d’impulso una M (ipercorreggendosi ma sbagliando, perchè proprio lì occorreva invece una N, che a quel punto non fu più possibile emendare considerata la grafia complessa della M). Evidentemente il lapicida non era un fior di letterato. In ogni modo, e tutto sommato, l’intero testo fenicio non è proprio quella palestra di difficoltà che qualcuno sembra voler accreditare, e con l’aiuto del dizionario fenicio il testo può essere tradotto con sicurezza e senza sbavature. Eppure non tutti hanno azzeccato. Il testo, secondo Semerano, reciterebbe così: Et rš š ngr š Ea b Šrdn šlm et šm ṣbt mlk t nb nš bn ngr lpn j. Ma evidentemente Semerano non ha letto la stele nell’originale, altrimenti non avrebbe fatto una messe di errori e sbagliato totalmente la traduzione, che per lui è la seguente (OCE 836): Et (Accanto è) rš (il sacello) š (quello che) ngr (l’ambasciatore) š (di) Ea (Ea) b (in) Šrdn (Sardegna) šlm (ha edificato): et (questa) šm (memoria) ṣbt (esprime il voto)  mlk (che il re) t (per iscritto) nb (espone): nš (elevi) bn (la costruzione) ngr (l’ambasciatore) lpn (davanti) j (all’isola). Altri studiosi in varie epoche hanno messo la propria impronta su questo testo venerando, sbagliando anch’essi. Nonostante che le difficoltà fossero facilmente sormontabili, sembra proprio che la traduzione sia stata intrapresa più per dovere che per passione. Certi altri studiosi, nella presunzione di dare una datazione precisa del testo (e dell’alfabeto che lo sottende), hanno persino dimenticato d’inserire alcune lettere nell’alfabetario ricavabile dalla Stele (vedi ad esempio Giovanni Garbini apud Moscati F 110). Un’altra clamorosa sviata è l’interpretazione del Moore-Cross nel 1984, avvenuta quattro anni dopo la pubblicazione del Dizionario Fenicio della Fuentes Estanol. La sua traduzione – cui attinge anche Ferruccio Barrecca (CFPS) – è la seguente: btršš (…a Tarsis) wgrš h’ (ed egli li condusse fuori) bšrdn š (tra i Sardi) lm h’ šl (egli è adesso in pace) m sb’ (ed il suo esercito è in pace) mlktn bn (Milkaton, figlio di) šbn ngd (Subna, generale) lpmy (di re Pumay: ossia Pigmalione). Tralascio di registrare ulteriori inaccettabili versioni, dalle quali però non posso evitare di trarre scandalo per la superficialità dei ricercatori, i quali si sono perfino dimenticati, candidamente, la tecnica delle epigrafi dedicatorie imparata sui banchi dell’Università. Non gli sarebbe stato difficile trovare la giusta traduzione, se avessero ripassato quella tecnica e poi avessero sfogliato il Dizionario Fenicio, dal quale si estrae senza difficoltà un testo lineare, pulito, inappuntabile, che è il seguente: BT  RŠ  Š  NGR  Š  H’  BŠRDN  ŠLM  H’  ŠLM  ṢB’  MLKTNBN  Š  BN  NGR  LPNY Traduzione. [Questo è] il tempio principale di Nora che io in Sardegna ho onorato in segno di pace [o: compiendo un voto sacrificale, un olocausto]. Io che onoro in segno di pace sono Ṣb’ figlio di Milkaton, che ho costruito Nora di mia propria iniziativa. Traduzione interlineare. bt (il tempio)  rš (principale)  š (di)  ngr (Nora)  š (che)  h’ (egli, io)  bšrdn (in Sardegna)  šlm (ho onorato in segno di pace).  h’ (io che, chi)  šlm (auguro pace)  ṣb’ (sono Ṣb’: leggi Saba)  mlktnbn (figlio di Milkaton)  š (che)  bn (ho edificato)  ngr (Nora)  lpny (di mia propria iniziativa). Etimologia. Di seguito confronto il testo della Stele di Nora con le altre lingue semitiche e con la lingua sarda (procedura etimologica), affinchè venga appreso appieno lo spirito della traduzione. Infatti è proprio con le lingue semitiche consorelle (e con la lingua sarda) che ogni studioso qua citato avrebbe dovuto misurare la propria traduzione, al fine di corroborare, rassicurare ed eventualmente correggere il proprio procedere. Operazione evidentemente negletta, che ora tocca a me evidenziare e puntualizzare: –  BT  ‘casa, tempio’: cfr. ug. bt, akk. bītu, ass. bētu, ebr. bâit ‘casa’, ‘tenda’, ‘tempio’; e cfr, il lat. habitatiō ‘l’abitare’, ‘domicilio, stanza, dimora, abitazione’ < sumero ḫa ‘vegetale’ + akk. bītu ‘casa’: ḫa-bītu ‘casa di vegetali’ ossia ‘capanna’. –  RŠ  ‘principale’: cfr. akk. rāšû ‘ricco, benestante’, ar. ras < sum. rašu; cfr. sardo Monte Rasu (è la montagna più alta della catena del Marghine-Goceano, che supera i m 1260). –  Š  ‘di’: cfr. akk. ša ‘di’, ‘quella che’; šu ‘di’, ‘quello che’; cfr. sardo sa, su, articolo determinativo ma anche pronome determinativo: ‘quella che, quello che’ (es. Sa ‘e Mulínu, Su ‘e Mulínu ‘la proprietà terriera di Mulinu’). –  NGR  ‘Nora, Nògora’; è la stessa Fuentes Estanol a proporre questa soluzione. Anche per questo c’è la giusta spiegazione etimologica, che viene addotta nel sottostante Dizionario Etimologico  alle voci Nora e Nùoro. –  Š  ‘che, quella che’: cfr. sopra. –  H’  ‘egli’, ‘io’: cfr. sum. ĝae (1a pers. sing. del pronome personale). Cfr. sardo giéo ‘io’ a Désulo). –  B-ŠRDN  ‘in Sardegna’: cfr. ug. b ‘in’, ebr. be- ‘in’; la particella cananea è sempre agglutinata alla parola retta, che in questo caso è Šarden ‘Sardegna’ (šrdn). L’avverbio di luogo ugaritico-fenicio-ebraico b (be) è a pari titolo anche sardo, sardiano. Si ritrova quasi sempre in tutte le indicazioni di luogo nelle forme be, bei, bi; indica sempre un luogo, non sempre preciso, lontano dal parlante: ‘lì’, ‘in quel luogo’, ‘a quel luogo’: siéntzia bei cheret, no bestire!; a contos male fatos si bi torrada; ite b’ada?; in s’isterzu de s’ozu non be podiat aer che murca; de listincu be ndh’aìat prus de una molinada; a campu bi anḍo déo; bazibbéi a domo sua; a bi sezis, si benzo a domo bostra?; in su putu bi at abba; no bi creo! –  ŠLM  ‘ho onorato in segno di pace’: cfr. ug. šlm ‘pace, salute’ (anche ‘vittima’, ‘sacrificio di comunione’), ebr. šālom ‘salute, pace’, arabo salâm ‘pace, salute’, akk. šâlu ‘gioire’, lat. sālus ‘salute, salvezza’. Il termine è mediterraneo. Purtroppo il lemma antico-sardo che oggi sopravvive in Sardegna appare corrotto dal latino: salùde, saludáre. Ma esistono ancora le prove che il termine šālom fu pure sardiano, antico-sardo; infatti queste provengono da un monte presso Dolianova, Bruncu Salámu, di origine granitica, celebre per rigettare alle sue pendici delle fonti di acqua purissima considerata curativa, quasi miracolosa. Accorre, da epoca immemorabile, tanta gente. Alcuni sanno persino scegliere tra sorgente e sorgente, dichiarando che certi getti curano il mal di fegato, altri i reni. –  H’  ‘chi’, ‘io che’: vedi su. –  ŠLM  ‘augura pace’: vedi su. –  ṢB’  ‘(è) Saba: nome proprio di origine berbera che si ritrova tra i Punici, ma è pure di origine cananea; Anche per Ṣb’ c’è la giusta spiegazione. Il nome era noto agli Ebrei già in 1Re 10,1-10.13; 2Cr 9,1-9.12; Gb 1,15; Is 43,3; 45,14; Gn 10,7.

Share